Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 
16.08.2008

Si è spento il vescovo Wilhelm Egger

Oggi, 16 agosto 2008, alle ore 19.20 un infarto ha interrotto la vita del vescovo diocesano di Bolzano-Bressanone, mons. Wilhelm Egger.
I funerali del vescovo Egger si terranno giovedì, 21 agosto 2008, alle ore 15 nel Duomo di Bressanone. La cerimonia si aprirà con una processione che partirà dalla Chiesa del Seminario Maggiore si andrà in processione per la via Hartwig, Via Bruno, Piazza Vescovile, Via Vescovile, Via Portici Minori, Via Portici Maggiori, Piazza Parrocchia. Il vescovo Egger sarà sepolto nel Duomo di Bressanone.


 

“Arrivederci”

 

Dunque la lunga visita del papa in Alto Adige è stato il coronamento del suo episcopato. E quel suo prendere congedo da Benedetto, lunedì scorso, quel suo insistere sull’idea dell’“arrivederci”, quel sottolineare che “Aufwiedersehen” non significa che ci vedremo per forza qui, magari da un’altra parte… tutto ciò era forse uno sguardo lanciato più in là di quanto egli stesso potesse pensare.

Il vescovo Wilhelm Egger è stato protagonista di un lungo cammino sui sentieri di una terra non facile e tuttavia mai priva di stimoli ad esercitare una presenza creativa. Fin dai primi giorni – fu ordinato nell’agosto 1986 – mons. Egger tracciò le linee principali alle quali intendeva attenersi, riassumendole nella parola greca “syn”, che significa “insieme”. Dire “insieme”, in Alto Adige, è già dire molto. Si presentò alla comunità il 4 ottobre 1986, festa di san Francesco d’Assisi. “Questo Santo è vissuto ottocento anni fa – scrisse alla diocesi – però è moderno come pochi altri. San Francesco rende vivo il Vangelo e ci fa vedere come gli uomini possono vivere da fratelli. Questo Santo, che per me è un riferimento importante, ci mostri come possiamo costruire insieme la Chiesa”. “Costruire insieme la Chiesa”, questo il titolo della prima lettera pastorale e questo l’obiettivo che mons. Egger si propose fin dai primi giorni. Insieme non voleva dire solo la ricerca dell’intesa e della comunione fra i vari gruppi linguistici, ma soprattutto che le cose buone si realizzano quando ognuno fa la sua parte. Quando ognuno entra nell’ottica di donare ciò che ha ricevuto. Di più: quando ognuno si percepisce come un dono per l’altro e vede l’altro come un dono da accogliere.

Chiudere in poche righe ventidue anni di episcopato è un’operazione velleitaria. Ma se si dovesse buttare giù qualche appunto, guardando indietro, si possono citare almeno alcuni dei messaggi lanciati dal vescovo, che corrispondono ad altrettanti passi compiuti “insieme” dalla comunità altoatesina in questi due decenni.

I primi anni furono dedicati alla promozione della Parola di Dio. Lui, biblista per la sua formazione e per le sue attività accademiche, concepiva la Bibbia come un patrimonio di conoscenza necessario alla vita del cristiano. Mettersi “alla scuola della Parola” significava acquisire gli strumenti necessari ad ogni forma di impegno e di partecipazione alla vita della comunità.

A questo appello seguì, per diversi anni, la riflessione sulla responsabilità politica e sociale del cristiano nella società. In uno stile di laicità quanto mai attuale, la comunità veniva chiamata a rivestire un ruolo propositivo e attivo nei campi sterminati della giustizia, della pace e della salvaguardia dell’ambiente. Temi che trovarono espressione nello scritto “Ricordatevi dei cinque pani... Il nostro impegno per l’uomo e il creato. Lettera pastorale da completare nelle comunità”.

Ecco, non sarebbe stato dovere esclusivo del vescovo dare attuazione a questi impegni, ma di ogni cristiano, di ogni gruppo, di ogni parrocchia, a seconda dei doni, dei carismi ricevuti. In tal modo le lettera pastorale sarebbe stata “completata nelle comunità”. Questa, in sostanza, la motivazione del mancato “interventismo” attribuito, a torto o a ragione, al vescovo Egger.

La chiesa altoatesina ha sempre avuto un ruolo importante nelle vicende di questa terra e spesso la politica e la società hanno guardato ad essa per avere stimoli di riflessione se non indicazioni e risposte. Nel corso di questi ventidue anni un caso emblematico di una gestione intelligente del rapporto tra fede, tradizioni, società e politica risale al 1996. Si trattava di celebrare il bicentenario del voto al Sacro Cuore. C’era chi spingeva a sottolineare gli aspetti patriottico-identitari legati a questo simbolo (meglio, ad una sua rilettura in chiave nazionalistica). Al vescovo Egger riuscì di ricondurre le celebrazioni al loro significato religioso. Non si trattava affatto di nascondere le implicazioni politiche. “La devozione al Sacro Cuore – scrisse qualche anno più tardi – ha nella nostra terra anche un aspetto politico. Il voto solenne al Sacro Cuore di Gesù (1796) esprime l’impegno a costruire la società secondo i valori cristiani, soprattutto avendo a cuore i deboli ed i poveri”.

L’incontro tra le culture, aveva detto papa Ratzinger a Bressanone pochi giorni fa, “sappiamo che non sempre è facile, ma che sempre è fruttuoso e ricco di doni, che aiuta tutti e ci rende più ricchi, più aperti e più umani”. Tra gli strumenti che il vescovo Egger indicò per la realizzazione del suo “syn” c’e la necessità del dialogo. “L’incontro con altri uomini di popoli e gruppi etnici diversi – scrisse nel suo “Alfabeto sociale per la diocesi di Bolzano-Bressanone” – presuppone la disponibilità al dialogo, la capacità d’immedesimazione, il coraggio di un confronto spirituale e religioso, il rispetto e la compassione per le storie di vita e sofferenza umane. Grazie al confronto spirituale ci si apre alla verità che per noi cristiani è sempre collegata con la persona di Gesù. Il dialogo può risultare più facile se le parti a confronto conoscono bene la propria cultura e religione. Nella nostra regione abbiamo raccolto diverse esperienze di dialogo tra gruppi linguistici diversi. Continuare a curare queste forme di incontro così come promuovere la disponibilità al dialogo rimane per noi tutti un grande compito. La Chiesa locale dovrebbe proprio essere una scuola di dialogo tra gruppi linguistici diversi”.

E’ riuscito mons. Egger a dare attuazione al suo programma, o quella “lettera pastorale” ha ancora bisogno di essere “completata nelle comunità”? Una risposta a questo interrogativo forse la dà lui stesso con parole che, lette oggi, suonano più significative che mai. “Anche noi come comunità cristiana viviamo orientati verso il futuro però entro una prospettiva del tutto particolare. Si tratta di un futuro definitivo e di una felicità per sempre. Il termine ‘cielo’, che ancora oggi per molte persone esprime speranza e fiducia, significa ‘Vita in pienezza e vita per sempre’. Protesi verso un futuro meraviglioso e definitivo non siamo costretti a realizzare ogni nostra speranza e ogni nostro sogno nel tempo ristretto della nostra vita terrena”.

Paolo Valente


 

Breve biografia del Vescovo

Nato il 14 maggio 1940 a Innsbruck (Austria); cresciuto a Bergen presso Traunstein; dopo la morte in guerra del padre nel 1945, trasferito con la madre ed il fratello gemello Kurt a Vipiteno (Alto Adige/Italia);
Frequenza della scuola media e del Ginnasio presso la Scuola dei Cappuccini "Salern" presso Bressanone;
Nel 1956 entra nell'ordine dei Cappuccini; dopo il noviziato, frequenta il Liceo al "Vinzentinum" di Bressanone;
Nel 1960 consegue la maturità statale; studia filosofia e teologia nelle strutture dell'Ordine in Alto Adige;
29 giugno 1965 ordinazione sacerdotale a Bressanone;
1965-71 studi teologici a Friburgo (Svizzera), all'Istituto Biblico Pontificio a Roma e all'Ecole Biblique a Gerusalemme;
Nel 1972 viene promosso Dottore in Scienze bibliche;
1971 cattedra ordinaria di Nuovo Testamento allo Studio filosofico-teologico della diocesi di Bolzano-Bressanone a Bressanone;
Tiene lezioni all'"Antonianum" e alla Pontificia Università Gregoriana di Roma e allo Studio Teologico di Erfurt;
1975-86 tiene lezioni di Introduzione al Nuovo Testamento anche alla Facoltà Teologica dell'Università di Innsbruck;
1981 Libera docenza per l'esegesi del Nuovo Testamento all'Università di Innsbruck;
1982-1985 decano dello Studio filosofico-teologico di Bressanone.
Ha dedicato particolare attenzione ai metodi della ricerca neotestamentaria e alla "Wirkungsgeschichte" (storia degli effetti di un testo, quest'ultima con particolare relazione a Francesco d'Assisi).
Conferenze su questioni bibliche in vari Paesi dell'Europa centrale, in Africa, in estremo Oriente, mettendo a frutto la padronanza di diverse lingue (oltre il tedesco e l'italiano, anche l'inglese e il francese).
29 luglio 1986 nomina a vescovo di Bolzano-Bressanone; ... "SYN" (greco: "insieme");
31 agosto 1986 consacrazione episcopale nel Duomo di Bressanone;
Presidente della Commissione per l'Ecumenismo e il Dialogo (Conferenza Episcopale Regionale del Nord-Est);
Da settembre 2000 membro della Commissione Episcopale per l'Ecumenismo e il Dialogo (Conferenza Episcopale Italiana).
Priorità dell'attività pastorale:
"Alla scuola della Parola di Dio". Per promuovere la lettura della Bibbia nelle famiglie il Vescovo Wilhelm Egger ha pubblicato una "Sonntagsbibel" (Bibbia della domenica) riccamente illustrata. A questo tema è stata dedicata anche la serie di 39 trasmissioni "Die Bibel und ihre Welt" (La Bibbia e il suo mondo) su Sender Bozen (trasmissioni in lingua tedesca) della RAI (1989), che sono state trasmesse anche in Austria dall'ORF.
Altre serie di trasmissioni:
- Sette minuti con il Vangelo di Marco. Il Vescovo racconta l'itinerario di Gesù, Radio Sacra Famiglia e Kirchensender Radio Grüne Welle, 2000);
- Geheimnis des Glaubens (mistero della fede), Kirchensender Radio Grüne Welle, 2001/2002).
Per promuovere la lettura della Bibbia nelle famiglie il Vescovo Wilhelm Egger ha pubblicato una "Sonntagsbibel" (Bibbia della domenica) riccamente illustrata.
Una ulteriore priorità dell'attività pastorale: "Pace, giustizia, salvaguardia del creato".
.Dal 1987 al 1996 il Vescovo Wilhelm Egger ha visitato tutte le 280 parrocchie ed anche i missionari in Brasile. Attualmente sta visitando decanati e comunità parrocchiali.

Si è spento il vescovo Wilhelm Egger
Si è spento il vescovo Wilhelm Egger
Si è spento il vescovo Wilhelm Egger
 Vai alla lista 
 
 



 
 
Il 5 per mille
al Gruppo Missionario Merano
codice fiscale: 91014610215
Come donare
Ogni aiuto al Gruppo Missionario Merano è prezioso, anche il più piccolo. Per le offerte, deducibili dalla dichiarazione dei redditi, è a disposizione il conto corrente postale 15004393.
Contatti
Gruppo Missionario Merano
via Foscolo, 1
39012 Merano - Italia
Tel. 0473 446400
Fax 0473 446400
E-Mail:
www.gruppomissionariomerano.it
 
produced by Zeppelin Group – Internet Marketing