Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 
22.08.2008

Sepolto a Bressanone il vescovo Egger

E' stato sepolto ieri pomeriggio nel Duomo di Bressanone il vescovo diocesano Wilhelm Egger, improvvisamente scomparso sabato 16 agosto. Alla cerimonia funebre, presieduta dal patriarca di Venezia card. Angelo Scola, hanno preso parte migliaia di fedeli, tutti i sacerdoti e religiosi della diocesi di Bolzano-Bressanone e decine di vescovi.

Un destino in comune

 

Quando la bara, caricata su di un carro trainato da due cavalli, ha preso le mosse dal piazzale antistante il Seminario di Bressanone, tutta la gente se ne era già andata per il corteo funebre. D’un tratto si è percepito il mormorio di un vento leggero.

Dieci giorni prima. in piazza Duomo, il vescovo Egger aveva commentato quella pagina della Scrittura che narra di Elia, chiamato alla presenza del Signore. Ma il Signore che Elia attende non è nel vento impetuoso e gagliardo, non è nel terremoto e nemmeno nel fuoco. Invece lo si trova, alla fine, nel “mormorio di un vento leggero”. Letteralmente, aveva spiegato il vescovo, “in una voce di silenzio”.

C’è sempre molto mistero in una morte, tanto più se si tratta di quella di un personaggio importante. E non è forse, ogni morte, un’apparentemente paradossale “voce di silenzio”?

Tutto l’episcopato di Wilhelm Egger, ora lo capiamo meglio, si è giocato attorno a queste idee, la voce, la parola, e il silenzio. Laddove il silenzio può essere più eloquente di molte parole e certe parole possono risultare più vuote e meno comunicative di una “vice di silenzio”.

Ciò che ha colpito tutti, in questi giorni a partire da domenica scorsa, quando si è diffusa la notizia dell’improvvisa ed inattesa scomparsa del vescovo, è stata la grande partecipazione della gente, ad ogni livello, all’evento. Dal papa all’ultimo dei fedeli. Bisognava vedere, ieri, il Duomo gremito, la chiesa di San Michele strapiena, la piazza occupata da una folla silenziosa davanti al maxischermo che ha trasmesso per ore, il rito funebre.

Sappiamo ora, avendone letto il testamento spirituale, che Wilhelm Egger non si considerava un “maestro”, ma intendeva piuttosto proporsi agli altri nella dimensione della fratellanza. “Per me – ha lasciato scritto – è stata importante in questi anni la parola di Gesù: ‘Uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli e sorelle’. In ogni messa ho pregato affinché noi siamo una ‘fraternitas secundum sanctum Evangelium’”.

Ecco un nuovo paradosso, la folla altoatesina riconosce il ruolo di guida, accorrendo in massa alla bara prima a Bolzano, poi a Bressanone, a colui che più che come guida si considera come fratello tra fratelli e sorelle.

Wilhelm Egger chiede di essere ricordato per le parole e per la Parola. Accenna alle sue lettere e ai suoi scritti pastorali e dice: “Se leggete questi testi ancora una volta e cercate di attuarli, pensando a me vostro vescovo, questa è la memoria che mi fa particolarmente onore”. Tali testi hanno spesso l’unico scopo di introdurre alla Parola di Dio. E’ questo, e lo rimarrà, l’aspetto fondamentale dell’azione e del pensiero del vescovo Egger. Offrire ai semplici cristiani gli strumenti per comprendere la Bibbia in modo da poter essere compartecipi in modo consapevole della vita della comunità. E’ un invito alla partecipazione e al tempo stesso esprime la convinzione che prima di parlare è necessario un minimo di conoscenza, cioè un briciolo di impegno. E’ la logica della corresponsabilità.

La diocesi non potrà che ripartire da quella parola “syn” (insieme), che il vescovo ha pronunciato in apertura al suo episcopato e messo nelle prime righe del suo testamento. Una parola che si può declinare in varie maniere. Il patriarca di Venezia lo ha fatto vedendo in Alto Adige “una storia ricca, anche se non di rado travagliata, capace di fondere in unità popoli, tradizioni e culture diversi”. Benedetto XVI ha auspicato un Alto Adige “regione dove l’arte e la cultura si uniscono con la bontà degli uomini in un’armonia meravigliosa”.

Per avere un’immagine plastica di quel “syn” bisognava essere ieri a Bressanone, oppure due giorni prima a Bolzano. Migliaia di persone, ognuna con la sua storia, con le sue idee, le sue esperienze e i suoi desideri erano lì, attorno ad una semplice cassa di legno chiaro, ad interrogarsi sul proprio comune destino. Insieme. Syn.

Paolo Valente

Sepolto a Bressanone il vescovo Egger
Sepolto a Bressanone il vescovo Egger
Sepolto a Bressanone il vescovo Egger
 Vai alla lista 
 
 



 
 
Il 5 per mille
al Gruppo Missionario Merano
codice fiscale: 91014610215
Come donare
Ogni aiuto al Gruppo Missionario Merano è prezioso, anche il più piccolo. Per le offerte, deducibili dalla dichiarazione dei redditi, è a disposizione il conto corrente postale 15004393.
Contatti
Gruppo Missionario Merano
via Foscolo, 1
39012 Merano - Italia
Tel. 0473 446400
Fax 0473 446400
E-Mail:
www.gruppomissionariomerano.it
 
produced by Zeppelin Group – Internet Marketing