Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 
21.09.2020

Eletto il nuovo direttivo

L’emergenza coronavirus “ha segnato pesantemente l’attività complessiva del GMM ‘Un pozzo per la vita’, sia per la forte contrazione delle offerte e donazioni, sia per l’organizzazione del lavoro in Africa”, ma “non ha fermato i progetti e le opere avviate”. Lo ha detto il presidente dell’Organizzazione di volontariato (Odv) meranese, Roberto Vivarelli, all’assemblea annuale tenuta, a causa del lockdown, sei mesi dopo il previsto.
I soci del GMM “Un pozzo per la vita”, provenienti, oltre che dal Trentino e dall'Alto Adige, anche dalla Lombardia e dal Veneto, si sono riuniti nella sala del Circolo unificato di presidio di Merano, nel rispetto delle norme per il contenimento del rischio di contagio.
Oltre ad approvare il bilancio ed il programma di attività, l’assemblea ha anche rinnovato il direttivo che, come ormai avviene da tempo, rispecchia la varietà delle proveniense dei soci: alla presidenza è stato confermato Roberto Vivarelli (Lana, Bz) ed alla vicepresidenza Franco Fasoli (Trento). Gli altri componenti sono: Carmen Crosina Balbo (Merano), Anna Thurner (Renon), Cristina Cesaro Bortolotti (Bolzano), Francine Reuter (Bassano del Grappa), Vilma Bombardelli (Riva del Garda) e Roberto Pedergnani (Padova).
Lungo l’elenco degli interventi realizzati dall’Odv fondata da Alpidio Balbo nel corso del 2019: sette perforazioni per l'acqua potabile (sei in Benin ed una in Burkina Faso); tre scuole secondarie, due nel nord del Benin nei villaggi di Kouande e Gougnenou, ed una in Burkina Faso nel villaggio di Kassou; due residenze per ospitare educatrici e formatori nella zona di Tenonrou, in Benin, in prossimità del confine con la Nigeria; l’ampliamento del dispensario "St. Luc et St. Dominique Savio" di Natitingou (Nord Benin); un panificio didattico per il centro di riabilitazione del Centro di cura delle malattie mentali "Oasis d'Amour" di Zooti, in Togo.
Tutto questo è stato reso possibile dalla generosità di numerosi benefattori, ma anche da enti pubblici come la Provincia di Bolzano e la Regione Trentino Alto Adige o soggetti come la Conferenza episcopale italiana e realtà economiche di Merano quali il Merano Winefestival e Terme Merano.
Il programma per il 2020 è altrettanto impegnativo. Centrale è la promozione dell’accesso all’acqua potabile, tanto più necessaria per garantire le misure di igiene raccomandate contro la diffusione del contagio da coronavirus. Quest’anno vengono costruite otto perforazioni in Benin. È stato poi avviato il secondo lotto della scuola secondaria di Kassou in Burkina Faso. In Benin, verrà, poi, costruita un’officina meccanica per auto presso il Centro di formazione professionale “Liweitari” di Natitingou, riqualificato il centro per le malattie mentali “Oasis d’Amour” di Bohicon e realizzati due atelier di sartoria, sempre a Natitingou, per offrire una possibilità di formazione e reinserimento sociale a ragazze madri e ragazze vulnerabili.

Nella foto: l'assemblea dei soci del GMM
Eletto il nuovo direttivo
 Vai alla lista 
 
 



 
 
Il 5 per mille
al Gruppo Missionario Merano
codice fiscale: 91014610215
Come donare
Ogni aiuto al Gruppo Missionario Merano è prezioso, anche il più piccolo. Per le offerte, deducibili dalla dichiarazione dei redditi, è a disposizione il conto corrente postale 15004393.
Contatti
Gruppo Missionario Merano
via Foscolo, 1
39012 Merano - Italia
Tel. 0473 446400
Fax 0473 446400
E-Mail:

 
produced by Zeppelin Group – Internet Marketing