Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 
24.02.2010

Diario di viaggio 4: a casa di mons. Assogba

A Bohicon, la mattina del 23 febbraio, prima della partenza per Parakou, Alpidio Balbo incontra un vecchio amico del Gruppo Missionario Merano: mons. Nestor Assogba. Poi, la visita al lebbrosario di Abomey, un centro ospedaliero che oggi si occupa di tutte le patologie, comprese le più devastanti, come l'Aids e l'ulcera di Buruli.
L'amicizia di Alpidio Balbo con mons. Assogba, all'epoca vescovo di Parakou, risale a quasi trent'anni fa e non si è mai interrotta, nemmeno quando il presule, risalendo la scala della gerarchia ecclesiastica, era approdato alla diocesi di Cotonou con il titolo di Primate della Chiesa del Benin. Ormai a riposo, il vescovo Assogba, discendente della casa reale di Abomey, tornando nella sua terra d'origine, si è ritirato nella sua residenza di Bohicon.
È qui che ci riceve per quello che si rivelerà un incontro breve, ma cordiale, fra due vecchi amici, con tanti ricordi in comune e qualche notizia da scambiarsi sui guai dell'età e le vicende familiari.
A Bohicon c'è un altro vescovo da incontrare: mons. Eugène Cyrille Houndékon, attuale vescovo di Abomey. È impegnato in un incontro quaresimale con il clero diocesano, ma appena apprende dell'arrivo di Balbo, esce a riceverlo. La diocesi è impegnata direttamente nella realizzazione del centro scolastico che dovrà completare l'offerta educativa del Centro Chiara Luce. I lavori, come abbiamo accertato il giorno prima, segnano il passo e bisogna capire come andare avanti. A marzo, mons. Houndékon sarà in Italia: è intenzionato ad inserire una tappa altoatesina nel suo viaggio che potrebbe rivelarsi utile per la prosecuzione del progetto.
Prima di iniziare il viaggio per Parakou, visitiamo il lebbrosario di Abomey, altra struttura sostenuta dal GMM. Per il Centre de Sante “Saint Camille de Davougon”, però, la lebbra non è l'unica emergenza. E nemmeno la prima. Lo scorso anno, qui, sono stati accolti 34 nuovi contagiati di lebbra e numerosi casi di ulcera di Buruli. Il dispensario, però, ha offerto ben 3.752 consulti a persone affette da Aids, che si conferma un flagello anche in questa parte di Africa. In totale, i malati che si sono rivolti al Centre de Sante sono stati 40.179, per le patologie più diverse. Un altro servizio fondamentale è quello pediatrico e nutrizionale al quale si rivolgono ogni giorno diverse decine di mamme con i loro bambini.
Lasciata Abomey, riprendiamo il viaggio per il nord: una breve sosta a Dassa-Zoumè, la Lourdes dell'Africa, sede di un pellegrinaggio annuale dei cattolici del Benin e poi via a macinar chilometri su una strada divenuta negli anni polo d'attrazione per gli abitanti di numerosi villaggi, che hanno trasferito lungo il suo tracciato le loro baracche di fango e mattoni insieme ai loro commerci.
Poi, finalmente, l'arrivo a Parakou, alla casa St. Isidore, vero e proprio quartier generale del GMM in Benin da cui organizzeremo le prossime tappe.
Giuseppe Marzano

Nelle foto: Alpidio Balbo con mons. Nestor Assogba (in alto) e con mons. Eugène Cyrille Houndékon (in basso a sinistra). A destra, donne in attesa al dispensario pediatrico del Centre “Saint Camille” di Abomey
Diario di viaggio 4: a casa di mons. Assogba
Diario di viaggio 4: a casa di mons. Assogba
Diario di viaggio 4: a casa di mons. Assogba
 Vai alla lista 
 
 



 
 
Il 5 per mille
al Gruppo Missionario Merano
codice fiscale: 91014610215
Come donare
Ogni aiuto al Gruppo Missionario Merano è prezioso, anche il più piccolo. Per le offerte, deducibili dalla dichiarazione dei redditi, è a disposizione il conto corrente postale 15004393.
Contatti
Gruppo Missionario Merano
via Foscolo, 1
39012 Merano - Italia
Tel. 0473 446400
Fax 0473 446400
E-Mail:
www.gruppomissionariomerano.it
 
produced by Zeppelin Group – Internet Marketing