Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 
03.11.2021

Alpidio Balbo è tornato in Benin

Alpidio Balbo è tornato in Africa. Il fondatore del GMM è in Benin da alcuni giorni insieme al vicepresidente dell’organizzazione di volontariato, Franco Fasoli, ed al responsabile dei progetti, Fabrizio Arigossi. Dopo alcuni giorni di sosta obbligata a Cotonou (Sud Benin), dovuta alle misure di contenimento della pandemia in vigore nel Paese dell’Africa occidentale, la delegazione del GMM ha iniziato il viaggio verso nord.
La prima tappa è fissata a Bohicon, dove, il 4 marzo del 1971, arrivato da turista per consegnare una lettera ad una missionaria trentina delle Figlie del Cuore di Maria, ha conosciuto i drammi e le sofferenze di quel mondo così lontano. Alcuni bambini morti durante le poche ore della sua permanenza per la mancanza di farmaci comuni in Europa hanno cambiato la sua vita, dando origine ad un movimento di bene che si è diffuso in tutta Italia.
“Ho tanto desiderato fare questo viaggio, forse l’ultimo che l’età e le forze mi consentiranno, nel cinquantesimo anniversario dell’inizio della straordinaria esperienza che il Signore mi ha dato l'opportunità di vivere - ha scritto Balbo, 90 compiuti in marzo, in un messaggio ai benefattori del GMM - L’emergenza Covid ha fatto venire meno tante risorse economiche proprio nel momento in cui i nostri amici africani più hanno bisogno del nostro aiuto. Sono tornato in Africa anche con questo obiettivo: ricordare che c’è chi, a prescindere dalla pandemia, manca dell’essenziale per vivere e chiede che non ci dimentichiamo di loro”.
Il programma di viaggio prevede visite ed incontri nelle principali città del Paese, quali Parakou, Bembereke, N’dali e Natitingou, dove il GMM, negli ultimi anni, ha operato in collaborazione con le Caritas diocesane locali e alcuni degli ordini religiosi presenti per la realizzazione di scuole, centri di salute, perforazioni per l’acqua potabile. Un primo incontro ha già avuto luogo a Cotonou con Gregoire Ahongbonon, il fondatore dei Centri “Oasis d’Amour”, noto alla stampa internazionale come “l’uomo che in Africa libera i malati di mente in catene”. Con l’associazione “San Camillo” da lui presieduta il GMM ha avviato da anni una collaborazione sostenendo, in particolare, la costruzione del centro di cura di Zooti, in Togo, e la ristrutturazione di quello di Bohicon in Benin.

Nelle foto: Alpidio Balbo a Cotonou in Benin, con Gregoire Ahongbonon e Franco Fasoli.
Alpidio Balbo è tornato in Benin
Alpidio Balbo è tornato in Benin
 Vai alla lista 
 
 



 
 
Il 5 per mille
al Gruppo Missionario Merano
codice fiscale: 91014610215
Come donare
Ogni aiuto al Gruppo Missionario Merano è prezioso, anche il più piccolo. Per le offerte, deducibili dalla dichiarazione dei redditi, è a disposizione il conto corrente postale 15004393.
Contatti
Gruppo Missionario Merano
via Foscolo, 1
39012 Merano - Italia
Tel. 0473 446400
Fax 0473 446400
E-Mail:

 
produced by Zeppelin Group – Internet Marketing