Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 
17.11.2006

20 novembre: i Diritti (ancora negati) dell’Infanzia

Il 20 novembre di 17 anni fa, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha firmato la Convenzione internazionale dei Diritti dell’Infanzia. Molto lunga però è ancora la strada da percorrere. Alcuni dati in un comunicato della Caritas altoatesina.

La Convenzione sui Diritti dell'Infanzia, firmata nel 1989 da tutti i paesi del mondo ad eccezione di Somalia e Stati Uniti, è il trattato sui diritti umani maggiormente ratificato nella storia umana ed è il più importante strumento giuridico a disposizione di tutti coloro - individui, famiglie, associazioni, governi - che si battono per un mondo in cui ogni bambino e ogni bambina abbiano le medesime opportunità di diventare protagonisti del proprio futuro. In questi 17 anni qualcosa è stato fatto, ma moltissimo resta da fare stando ai dati UNICEF sui diritti negati dell’infanzia (rapporto 2005).

 

Questi sono i numeri: “11 milioni di minori muoiono ogni anno prima di avere compiuto i 5 anni a causa di malattie intestinali, polmoniti, morbillo, pertosse, tetano, difterite, tubercolosi; 150 milioni di bambini soffrono di malnutrizione ; 123 milioni di bambini non hanno mai frequentato la scuola (di questi, la maggioranza sono bambine); 211 milioni di bambini lavorano; 600 milioni di bambini, cioè un quarto dei bambini di tutto il mondo, vivono in condizioni di estrema povertà; 2 milioni di bambini sono morti, nel corso dello scorso decennio, a causa di conflitti armati; 20 milioni sono stati costretti a abbandonare le loro case; 300 mila bambini sono stati reclutati e combattono in diversi paesi africani, asiatici e del Medio Oriente; 130 milioni di donne hanno subito, da bambine, mutilazioni sessuali e ogni anno altri due milioni di bambine le subiscono; oltre 1 milione di bambini ogni anno è vittima di trafficanti, vengono “comprati” e costretti a subire abusi e sfruttamento; 14 milioni di bambini hanno perso la madre, il padre o entrambi i genitori a causa dell’Aids”.

20 novembre: i Diritti (ancora negati) dell’Infanzia
 Vai alla lista 
 
 



 
 
Il 5 per mille
al Gruppo Missionario Merano
codice fiscale: 91014610215
Come donare
Ogni aiuto al Gruppo Missionario Merano è prezioso, anche il più piccolo. Per le offerte, deducibili dalla dichiarazione dei redditi, è a disposizione il conto corrente postale 15004393.
Contatti
Gruppo Missionario Merano
via Foscolo, 1
39012 Merano - Italia
Tel. 0473 446400
Fax 0473 446400
E-Mail:
www.gruppomissionariomerano.it
 
produced by Zeppelin Group – Internet Marketing